Quante volte vi sarà capitato di vedere un mobile pieno di piccoli buchi: quella è la prova che vi sono dei piccoli tarli da legno che stanno infestando l’arredamento.

Per poter debellare questi fastidiosi insetti del legno si hanno di fronte due scelte: una è quella di rivolgersi a ditte specializzate nella disinfestazione come Hampton srl, oppure se si ha dimestichezza, si può optare per effettuare un trattamento antitarlo.

Come si comportano i tarli del legno

Il tarlo del legno è un insetto dal colore rosso-bruno, dalle dimensioni che vanno dai 2-4 millimetri fino ad arrivare a 6-9 millimetri.

Questi insetti lasciano sui mobili dei piccoli fori che sono riconoscibili dato la loro forma tonda e soprattutto perché di notte si sente un rumore provocato dal loro scavare nel mobile delle lunghe gallerie, causando anche gravi danni strutturali.

In particolare, questi insetti tendono ad attaccare soprattutto legni vecchi di ogni qualità, soprattutto quelli resinosi.

In molti però ignorano che anche l’ambiente in cui si trova il mobile può incidere su un’eventuale infestazione: i tarli da legno prediligono gli ambienti umidi e caldi oltre ai luoghi poco rumorosi.

Ecco perché a volte sarebbe sufficiente collocare un metronomo sopra il mobile e attivarlo di giorno e notte in modo da disturbarli e costringerli ad andare verso luoghi più tranquilli.

Diventa necessaria un’azione disinfestante quando sotto i mobili si nota la farina di legno, oltre alla presenza dei ben noti fori lasciati dai tarli adulti.

Quest’azione diventa necessaria anche perché gli insetti che infestano il proprio mobile potrebbero essere degli scleroderma (insetto parassita del talo) che attacca anche l’uomo, causando delle dermatiti a volte molto irritanti.

L’antitarlo è un insetticida che è tanto più efficace quanto più può penetrare in profondità nel legno; se il mobile è sverniciato o si prevede la sverniciatura completa del mobile allora si è molto avvantaggiati.

In quel caso, terminata la sverniciatura, si procederà con l’applicazione dell’antitarlo e successivamente potremo ricolorare e incerare il mobile.

I metodi da attuare

Per poter procedere alla definitiva disinfestazione di questi insetti, bisognerà far attenzione al trattamento da effettuare sul mobile.

Innanzitutto, bisogna spostare il mobile in un luogo abbastanza ampio e tranquillo dove poter effettuare tutte le dovute operazioni, scegliendo un luogo ben arieggiato dal momento che bisogna far attenzione a non respirare i vapori dell’antitarlo.

A questo punto bisogna procurarsi un antitarlo di ottima qualità, insieme ad occhiali protettivi, guanti e un telo in polietilene abbastanza grande da collocare al di sotto del mobile onde proteggere il pavimento e imballare il mobile a mo’ di camera a gas per sterminare questi sfortunati insetti.

In realtà, dal momento che l’infestazione potrebbe interessare diverse parti del mobile, sarebbe preferibile smontarlo tutto in modo da raggiungere anche i punti più complicati e le parti interne: soprattutto se si tratta di un mobile verniciato bisogna far attenzione a trattare soprattutto le parti interne del mobile dal momento che non sono verniciate o cerate.

Se invece ci si è accorti subito della presenza dei tarli e non è un grande mobile, si può spruzzare direttamente nei fori l’antitarlo, utilizzando un prodotto in spray dotato di tubicini .

Una volta quindi smontato il mobile, le parti piccole vanno collocate in appositi contenitori contenenti l’antitarlo, invece sul resto del mobile bisogna distribuire in maniera uniforme il prodotto utilizzando un pennello insistendo soprattutto nelle parti più colpite.

Ultimata questa operazione, bisogna avvolgere il mobile nel telo, chiuderlo ermeticamente e attendere almeno 20 giorni al termine dei quali si potrà verniciarlo e rimetterlo al suo posto.