Riscaldamento a pavimento con pannelli radianti: come funziona?

Il riscaldamento a pavimento è un metodo che risulta essere particolarmente diffuso all’interno degli arredamenti moderni e che permette di affrontare le dure e rigide giornate invernali attraverso il tepore offerto da pannelli radianti, che vengono posti al di sotto del pavimento attraverso un sistema di tubature e un circuito elettrico, in grado di diffondere il calore attraverso irraggiamento. Per quanto questo sistema possa sembrare come particolarmente moderno e oggetto di valutazione tecnologica, in realtà è ereditato da una tradizione che l’aveva portato a essere utilizzato già nel secolo scorso, tra gli anni ‘50 agli anni ‘70, prima di essere accantonato per qualche decennio. Come le diverse tipologie di intervento domestico, anche quella del riscaldamento a pavimento tramite pannelli radianti presenta degli svantaggi che si associano agli acclarati benefici: ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito. 

Quali sono i vantaggi di un riscaldamento a pavimento con pannelli radianti?

Strutturalmente parlando, la tipologia di riscaldamento dei pavimenti attraverso l’utilizzo di pannelli radianti può avvenire o sulla base di tubature che si uniscono ad un circuito elettrico, permettendo – per mezzo del fenomeno dell’irraggiamento – di riscaldare i propri pavimenti, o attraverso un sistema di riscaldamento dell’acqua posta al di sotto del pavimento, e che permette di diffondere un tepore attraverso un certo tipo di equilibrio all’interno di tutta l’abitazione. 

In ogni caso, il sistema presenta un notevole vantaggio in termini di costi e impatto ambientale, essendo particolarmente economico e portando a non doversi riferire ad altri sistemi di riscaldamento, come stufe a pellet, termosifoni o climatizzatori, che consumano molto sia per quel che concerne la corrente elettrica, sia per quanto riguarda il costo del gas. Questa soluzione non assicura certamente un riscaldamento pari ai primi sistemi, ma permetterà di tenere l’ambiente caldo e di offrire un tepore in ogni stanza della propria casa. 

Non solo, dal momento che questo sistema (soprattutto se ad immissione di acqua) può anche divenire un impianto di raffreddamento di pavimenti e ambiente, se ci si serve di una soluzione che strutturalmente avviene allo stesso modo, ma che propone una finalità differente. Infine, un ultimo vantaggio è dettato da una minore diffusione di acari, batteri e muffe all’interno della propria casa, dal momento che il sistema di riscaldamento non prevede dei radiatori o altri sistemi di immissione di aria calda nell’ambiente, che sono naturalmente connessi ad un’accumulazione di quanto sopraccitato. 

Gli svantaggi del riscaldamento a pavimento 

A questo punto, bisogna presentare anche gli svantaggi legati all’utilizzo del riscaldamento a pavimento attraverso pannelli radianti. Il primo risulta essere facilmente intuibile: installare un sistema simile richiede dei costi particolarmente elevati che, per quanto possano essere recuperati nel tempo, prevedono una certa strutturazione del proprio budget

Tuttavia, lo svantaggio più pericoloso è relativo al trattamento del proprio pavimento che, soprattutto se in parquet, potrebbe presentare dei danni o sollevarsi: per ovviare a questo pericolo bisogna controllare che ci sia una giusta posatura dello stesso e che le tubature siano ottimali nel proprio compito, onde evitare possibili pericoli. Infine, ultimo svantaggio è relativo alla impossibilità di accendere e spegnere lo stesso a intermittenza, dal momento che avrà bisogno di almeno un giorno di accensione per funzionare correttamente. 

1 Comment

  1. rubinetto da cucina bianco

    Ho trovato bei post qui. Mi piace il modo in cui scrivi. Bello!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 La casa a 360 gradi

Theme by Anders NorenUp ↑